L’opera figurativa è materia. Materia che parla. Che parla di qualcosa e di qualcuno: di sé stessa, di chi la mette in forma, di un pensiero, di un sentire. E parla a qualcuno, o, forse meglio, con qualcuno: che la guarda, o comunque la percepisce. Nella sua materialità, ma anche, spesso, oltre questa. Lo scarto non è nella materia, ma nello sguardo di chi la osserva. Per questo può congiuntamente e simultaneamente, esserci, cioè apparire, e non esserci, nascondersi, o forse riuscire a negarsi proprio nel suo lasciarsi solo intravedere, quasi in controluce. Per questo l’arte è forse il primo approdo dello scarto, che lì può forse più facilmente mettere sé e l’occhio in discussione con il suo stesso mostrarsi.

Autore: admin

CONCRETE 26

Gardens under the bridge – Giardini sotto il ponte

CONCRETE 25

Gardens along the river – Giardini lungo il fiume

CONCRETE 24

Coloured glasses – Vetri colorati

CONCRETE 23

Holiday’s dream – Il sogno di una vacanza

CONCRETE 22

Under the rain – Sotto la pioggia

CONCRETE 21

Among old woods – Tra vecchi legni

CONCRETE 20

The river of memories – Il fiume dei ricordi

CONCRETE 19

On this side – Al di qua